Grosseto

Posted on by

Da Wikipedia, l’enciclopedia libera

Grosseto è un comune italiano di 82.284 abitanti, capoluogo dell’omonima provincia in Toscana.
È il capoluogo di provincia situato più a sud tra quelli della Toscana, e per superficie territoriale, risulta il più vasto comune della regione, nonché il terzo dell’Italia Centrale e il nono d’Italia per superficie.

A livello demografico, la città contava appena 4.724 abitanti subito dopo l’Unità d’Italia, iniziando da allora una crescita esponenziale che ha portato al superamento della soglia delle 70.000 unità nel 1991 e delle 80.000 nel 2009.

Dal punto di vista urbanistico, la città è uno dei pochi capoluoghi di provincia (con Ferrara, Bergamo, Lucca), il cui centro storico è rimasto completamente circondato da una cerchia muraria, nell’insieme integra, che ha mantenuto pressoché immutato il proprio aspetto nel corso dei secoli.

Geografia

La città è posta a circa 12 km dal mare (dove si affacciano le frazioni comunali di Marina di Grosseto e Principina a Mare), al centro di una pianura alluvionale denominata Maremma grossetana, nel punto di confluenza della Valle dell’Ombrone. In passato, gran parte dell’area pianeggiante era occupata dal Lago Prile che si estendeva quasi fino alla parte occidentale della città. L’antico bacino lacustre costiero dalle caratteristiche palustri è quasi del tutto scomparso a seguito delle opere di canalizzazione rientranti nelle bonifiche settecentesche apportate dai Lorena, completate definitivamente tra gli anni venti e trenta del secolo scorso dal governo fascista.

Nella parte nord-orientale del territorio comunale, presso la moderna frazione di Roselle che è sorta nei pressi dell’antica città etrusco-romana, si trova una sorgente termale di acqua sulfurea, della stessa natura e origine che contraddistingue le più rinomate Terme di Saturnia e le altre terme sparse tra il Monte Amiata, l’Area del Tufo e le Colline dell’Albegna e del Fiora.

Nella parte orientale e meridionale del territorio comunale scorre il fiume Ombrone, che con il suo corso prima costeggia la frazione comunale di Istia d’Ombrone e poi si avvicina in alcuni punti alla città con alcune sue anse che precedono la foce situata all’interno del Parco Naturale della Maremma, poco a sud di Principina a Mare.

La parte occidentale del territorio comunale è compresa nella Riserva naturale Diaccia Botrona, area palustre che si estende dove sorgeva l’antico Lago Prile, mentre l’area sud-occidentale rientra nel Parco naturale della Maremma, dove si estende l’area palustre della Trappola e si elevano le prime propaggini dei Monti dell’Uccellina a sud della foce dell’Ombrone.

Nel territorio comunale sono incluse anche le Formiche di Grosseto, nel cuore del Parco Nazionale dell’Arcipelago Toscano; gli isolotti e l’intero tratto di mare che bagna il litorale grossetano rientrano anche nell’area marina protetta europea del Santuario dei Cetacei.

Il centro cittadino si trova ad un’altezza di circa 10 metri s.l.m., mentre il restante territorio comunale si estende ad altitudini comprese tra il livello del mare e i 417 metri del Poggio Lecci sui Monti dell’Uccellina, dove sorgono l’Abbazia di San Rabano e la Torre dell’Uccellina; altro rilievo degno di nota è il Poggio di Moscona (317 metri s.l.m.) che, con la sua caratteristica fortificazione, domina l’abitato di Roselle. Comunque, prendendo in esame soltanto le aree urbane e i centri abitati, l’altezza massima si registra a Montepescali con 222 metri s.l.m.

La città dista 145 km da Firenze, 175 km da Roma, 170 km dallo scalo internazionale e intercontinentale dell’Aeroporto di Fiumicino; le città capoluogo di provincia più vicine a Grosseto sono, nell’ordine, Siena (75 km), Viterbo (122 km), Livorno (135 km).

Il territorio comunale di Grosseto rientra in ben 4 distinte aree protette.

In particolare, va segnalato che la parte nord-occidentale del territorio comunale è compresa nella Riserva naturale Diaccia Botrona (area umida di grande pregio naturalistico), la parte sud-occidentale rientra nel Parco naturale della Maremma (tra la foce dell’Ombrone, la linea di costa e i Monti dell’Uccellina), le Formiche di Grosseto che sono incluse sia nel Parco nazionale Arcipelago Toscano che nel Santuario dei Cetacei, area marina protetta a livello internazionale che comprende anche l’intero tratto litoraneo del comune di Grosseto, oltre alle acque antistanti.

Simboli

Inizialmente, lo stemma della città di Grosseto era costituito unicamente dal grifone, mitico animale alato che rievoca la cultura e le origini dei cittadini grossetani, riconducibili al popolo etrusco che, fin dal VII secolo a.C., si era insediato ed aveva abitato l’antica Roselle, città che ha costituito le vestigia del capoluogo maremmano.

In epoca medievale il grifone fu collocato sopra uno scudo rosso che rappresentava la vicinanza al partito ghibellino. Superato l’assedio del settembre 1328 quando, a seguito di quattro giorni di continua e intensa battaglia, vennero respinte le truppe di Ludovico il Bavaro, il grifone venne armato di una spada, a ricordo dello storico evento in cui la città passò agli onori delle cronache militari dell’epoca. Da allora, lo stemma comunale è pervenuto fino ai giorni nostri senza ulteriori modifiche.

Fonte

La descrizione sopra è presa dall’articolo di Wikipedia Grosseto, con brevetto CC-BY-SA. La lista completa di coloro che hanno contribuito alla stesura dell’articolo è disponibile qui.
Le pagine non sono in alcun modo affiliate o appoggiate da chiunque sia associato all’argomento.