Olbia

Posted on by

Da Wikipedia, l’enciclopedia libera

Olbia (Terranòa in sardo, Tarranóa in gallurese) è un comune italiano di 56.772 abitanti, capoluogo, con Tempio Pausania, della provincia di Olbia-Tempio in Sardegna. Risulta essere il quarto comune della Sardegna per numero di abitanti, superato solo da Cagliari, Sassari e Quartu Sant’Elena.

È stata l’antica capitale del Giudicato di Gallura e la prima sede vescovile della Gallura (Diocesi di Civita – Ampurias sino al 1839). La città, una delle principali della Sardegna, è una realtà industriale e commerciale in piena espansione. Ha conosciuto negli ultimi decenni un rilevante aumento demografico ed uno sviluppo assai rapido della sua economia con il numero degli abitanti raddoppiato tra gli anni 1951 ed il 1981. Attualmente ne conta oltre 56.000, (nel 1964 erano 18.800). Il territorio comunale, con una superficie di 376,10 km², si pone al 24º posto tra i Comuni italiani per estensione.

Ricca di insediamenti turistici molto conosciuti, tra i quali Porto Rotondo e Portisco, è dotata di infrastrutture che ne fanno un polo turistico molto importante per l’intera Isola. Olbia è il motore economico della provincia e uno dei più importanti della regione. A partire dal nucleo storico del corso Umberto I, la città con il notevole incremento demografico degli anni sessanta si è notevolmente espansa in ogni direzione. I problemi di viabilità sono stati contrastatati con la creazione di una circonvallazione e delle sue relative sopraelevate, di un tunnel sottostante l’area del porto vecchio e di numerose rotatorie all’interno e fuori del centro urbano.

Parrocchie

Le chiese storiche della città sono la Basilica di San Simplicio e la Chiesa di San Paolo.

Le chiese campestri sono: chiesa di San Vittore, di Nostra Signora di Cabu Abbas, di Santa Lucia, dello Spirito Santo, chiesa di Sant’Angelo, chiesa di Santa Mariedda.

Quelle moderne: la chiesa della Sacra Famiglia, della Madonna de La Salette, chiesa di Sant’Antonio, Chiesa di Poltu Quadu.

Spiagge principali

A nord di Olbia, tra Porto Rotondo, Cugnana e Portisco si trovano le spiagge di: Cugnana, Rena Bianca, Razza de Juncu (condivisa con Arzachena), Spiaggia dei Sassi, Spiaggia delle Alghe, Spiaggia Ira, Marinella (condivisa con Golfo Aranci).

Nella frazione di Pittulongu: spiaggia di Bados, Mare e Rocce, spiaggia del Pellicano, dello Squalo, spiaggia La Playa

A sud di Olbia si si trovano: Lido del Sole, Le Saline, Marina Maria, Bunte, Porto Istana, Li Cuncheddi, Capo Ceraso, Spalmatore di terra (isola di Tavolara)

Luoghi di pregio naturalistico e specialità

  • Parco fluviale del Padrongianus.
  • Area semi lagunare del golfo interno, ove vengono raccolte nelle apposite aree in concessione (stabulari) le pregiate cozze locali.
  • Area marina protetta di Tavolara-Punta Capo Coda Cavallo (condivisa con Porto San Paolo e San Teodoro).
  • Monte Pinu (condiviso con altri comuni limitrofi).
  • Monte Plebi (condiviso con Arzachena).
  • Monte Cugnana.

Fonte

La descrizione sopra è presa dall’articolo di Wikipedia Olbia, con brevetto CC-BY-SA. La lista completa di coloro che hanno contribuito alla stesura dell’articolo è disponibile qui.
Le pagine non sono in alcun modo affiliate o appoggiate da chiunque sia associato all’argomento.