Tortolì

Posted on by

Da Wikipedia, l’enciclopedia libera

Tortolì è un comune italiano di 10.854 abitanti, capoluogo, insieme a Lanusei, della provincia dell’Ogliastra in Sardegna.

Geografia

La città di Tortolì è situata nella costa centro-orientale della Sardegna ed il suo porto (Arbatax) e l’aeroporto (Tortolì-Arbatax) ne permettono il collegamento con la penisola italiana e il resto dell’Unione Europea. Confina a nord con Girasole e Lotzorai, a ovest con Villagrande Strisaili, Elini e Ilbono, a sud con Bari Sardo. A est si affaccia sul mare con le lunghe e rinomate spiagge di sabbia granitica (Lido di Orrì).

Storia

Toponimo

L’origine del toponimo è controversa. C’è chi ha sostenuto che Tortueli fosse una corruzione di Portus Ilii (Giovanni Spano nel suo Vocabolario Sardo del 1872), cioè gli ilienses, con patronimico porticenses, del Sylpicius portus (resti sembrano siano stati trovati negli scavi dello stagno di Tortolì negli anni 1980). Altri hanno intravisto la derivazione dal termine Portu con il suffisso Elia: Portuelie (Porto di S. Elia). I pisani lo scrivevano Tortohelie.

Storia antica

Dominata dai Cartaginesi, Romani, Vandali dei Goti e Spagnoli. Nel XII secolo è parte del Giudicato di Cagliari.

Storia recente

  • 1807 diventa capoluogo di provincia di un territorio che comprende 26 villaggi.
  • 1821 cessa di essere capoluogo di provincia e lo diventa Lanusei fino al 1859.
  • 1824 (8 nov) viene istituita, con bolla di papa Leone XII, la diocesi d’Ogliastra.
  • 1832 il rio Foddeddu rompe l’argine e invade il rione della Chiesa (Cattedrale) di S. Andrea.
  • 1851 chi ammazza più passerotti ha un premio di 24 Lire, al 2° 18.
  • 1859 entra a far parte della provincia di Cagliari fino al 1926.
  • 1869 (aprile) chi cattura ed ammazza 1 kg di cavallette ha un premio di 10 centesimi. L’attività è obbligatoria, con alcuni esoneri, e chi non adempie viene denunciato al Pretore.
  • 1869 (aprile) giunge il vaiolo, introdotto da un carcerato tradotto in Tortolì, che dissemina morte sia in loco che nel resto del mandamento.
  • 1881 (4 giugno) inaugurazione del primo acquedotto che porta l’acqua dalla sorgente di “Fra Locci” all’attuale piazza Cavour.
  • 1901, autunno, a cadenza quasi settimanale, l’alluvione ha distrutto i pascoli e allagato le campagne. La disoccupazione è dilagante ed il disagio dei poveri è estremo.
  • 1902 La paga giornaliera per scalpellini, muratori e braccianti varia per gli adulti da 1,70 a 3,50 Lire mentre per i fanciulli da 0,90 a 1,30.
  • 1906 si da inizio alla costruzione del “ponte di ferro” sul rio Foddeddu che collega il centro verso sud.
  • 1908 (febbraio) casi di vaiolo.
  • 1918 (ottobre – novembre) epidemia di Influenza Spagnola con oltre 150 morti.
  • 1926 entra a far parte della provincia di Nuoro fino al 2005.
  • 1927 con bolla pontificia (Papa Pio XI°) la residenza della sede vescovile d’Ogliastra passa da Tortolì a Lanusei.
  • 1930 viene costituito (con R.D. del 27 nov.) il Consorzio di bonifica e di trasformazione fondiario dell’agro.
  • 1935 (10 giugno) visita di Benito Mussolini.
  • 1943 (23 aprile, 13,30 circa) 18 aerei bombardano il porto ad Arbatax: 13 vittime.

Fonte

La descrizione sopra è presa dall’articolo di Wikipedia Tortolì, con brevetto CC-BY-SA. La lista completa di coloro che hanno contribuito alla stesura dell’articolo è disponibile qui.
Le pagine non sono in alcun modo affiliate o appoggiate da chiunque sia associato all’argomento.