Alessandria

Posted on by

Da Wikipedia, l’enciclopedia libera

Alessandria (Lisandria in piemontese comune, Lisondria in dialetto alessandrino) è un comune italiano di 94.960 abitanti, capoluogo dell’omonima provincia. È la terza città del Piemonte per numero di abitanti dopo Torino e Novara, ma la prima per superficie, seguita dal comune di Vinadio. La città è collocata esattamente al centro del triangolo Torino-Milano-Genova, costituendo quindi un nodo di interscambio importantissimo per le tre città e per le regioni di cui queste fanno parte.

Geografia

Sorge nella pianura alluvionale formata dai fiumi Tanaro e Bormida, in prossimità del loro punto di confluenza. Grazie alla sua posizione al centro del triangolo Torino-Genova-Milano, la città costituisce un importante nodo autostradale e ferroviario con scalo di smistamento di testa, situato nel sud-ovest della stazione viaggiatori. È servita dall’Autostrada A21 e dall’Autostrada A26. È una città caratterizzata da lunghi e ampi viali a più corsie e da grandi ed ariose piazze.

Monumenti e luoghi d’interesse

Il centro della città è caratterizzato dalla vastità di piazza della Libertà, anticamente Platea Maior. La piazza d’armi voluta da Napoleone fu ottenuta mediante la demolizione, avvenuta nel 1803, dell’antica cattedrale del XIII secolo opera dell’architetto Ruffino Bottino. Recentemente sono stati portati alla luce i resti delle fondamenta per studi di approfondimento e poi ricoperti. Al centro di essa sorge la statua di Urbano Rattazzi, opera di Ferruccio Pozzato, che sostituisce la fusione più antica di Giulio Monteverde, demolita per ricavarne metallo nel 1943, durante la seconda guerra mondiale.

Architetture religiose

Cattedrale

Quasi adiacente a piazza della Libertà è la piccola ed elegante piazza del Duomo, con la nuova cattedrale neoclassica del (1810-1849) che conserva al suo interno la statua lignea della Madonna della Salve; sul lato sinistro della facciata spicca Gagliaudo che regge una formaggetta lodigiana, scultura romanica raffigurante l’eroe alessandrino che secondo la leggenda si distinse nel corso dell’assedio del Barbarossa. Da notare sul fianco destro della Cattedrale l’altissimo e imponente campanile di gusto eclettico, costruito a più riprese fra l’ultimo decennio dell’Ottocento e il 1922; con i suoi 106 metri di altezza è il terzo più alto d’Italia dopo il Campanile di Mortegliano e il Torrazzo di Cremona. Il campanile contiene un concerto di 5 campane in do3 maggiore.

Santa Maria di Castello

La più antica della città (XV secolo), situata presso l’antico borgo Rovereto e che fonde nella sua struttura stili di epoche diverse, come quello tardo – romanico della costruzione con il portale rinascimentale e, al suo interno, diverse opere di epoche successive (il crocefisso, l’altare, la fonte battesimale, la sacrestia); inoltre nei sotterranei, da qualche tempo riaperti al pubblico, si possono osservare i resti di 2 precedenti chiese. Nonostante una fase di decadenza, negli ultimi anni sono stati notevoli i lavori di ristrutturazione.

Architetture civili

  • Palazzo del Municipio o Palazzo Rosso (dal colore della facciata). Eretto nel XVIII secolo è dotato di un particolare orologio a tre quadranti (da notare sulla sommità il galletto sottratto dagli alessandrini ai casalesi nel 1225).
  • Palazzo Ghilini, oggi sede dell’Amministrazione Provinciale e della Prefettura, progettato da Benedetto Alfieri nel 1733, di pregevoli forme barocche, considerato il più bello e monumentale della città.
  • Palazzo Cuttica di Cassine. Futura sede del Museo Civico e già sede del Conservatorio Statale di Musica “Antonio Vivaldi” e precedentemente del liceo musicale.
  • Palazzo Guasco Gallarati di Bisio. Situato in via Guasco la sua storia risale alla fondazione della città. L’attuale conformazione è del secolo XVIII. L’ala destra del palazzo è, oggi, sede di alcune sezioni dell’Amministrazione Provinciale: la Direzione Economia e Sviluppo della Provincia di Alessandria (che comprende l’Assessorato alla Cultura e l’Assessorato al Turismo), la Biblioteca Provinciale di Editoria locale, l’Istituto per la Storia della Resistenza e della Società Contemporanea e la Galleria d’Arte Moderna. In attesa di restauro di alcuni saloni del palazzo che conservano la struttura architettonica settecentesca. L’ala sinistra del palazzo, invece, è tuttora proprietà privata. Degno di nota il piccolo teatro, non aperto al pubblico, presente all’interno dell’ala privata.
  • Palazzo dal Pozzo. Situato in piazzetta Santa Lucia, risalente al XVIII secolo di stile prettamente barocco. È stato sede della Società del Casino dal 1862 al 1868, per alcuni decenni dell’Archivio Notarile e dal 1962 al 1982 nuovamente della Società del Casino.
  • Arco di trionfo. Situato al termine di via Dante fu eretto nel 1768 a ricordo della visita di Vittorio Amedeo III e di Maria Ferdinanda di Spagna. È un raro esempio di arco settecentesco.
  • Cittadella Militare. Sorge sulla sponda sinistra del fiume Tanaro. È un’imponente costruzione militare innalzata su progetto di Ignazio Bertola, una delle principali al mondo per importanza. La costruzione, voluta dai Savoia nel XVIII secolo, comportò l’evacuazione e la demolizione dell’intero quartiere di Borgoglio. Di proprietà del Demanio Militare, è visitabile solo in rare occasioni: è a pianta stellare, con sei baluardi attorniati da fossati. Di notevole interesse architettonico-militare il quartiere militare con gli edifici settecenteschi e ottocenteschi.
  • Ponte Cittadella. Il vecchio ponte ottocentesco soprannominato “della Cittadella” (inaugurato nel 1891) che attraversava il fiume Tanaro proprio di fronte alla Cittadella è stato oggetto di parecchie polemiche per quanto riguarda la sua sicurezza e la sua presunta influenza sulle piene del fiume. Si è pensato che il ponte fosse stata una delle cause dell’alluvione del 1994,alcuni ritenevano che avesse delle campate strette e che avrebbero potuto impedire un corretto deflusso delle acque in caso di nuova piena. Altri pareri e di segno opposto, affermarono che il ponte invece non avesse avuto nessuna colpa, come affermato da una perizia di un illustre docente universitario nominato perito durante il processo seguito all’alluvione del ’94, Prof. Ing. Luigi D’Alpaos Ordinario di Idrodinamica nell’Università di Padova, e che la soluzione più ovvia per risolvere il problema dell’esondazione sarebbe stato, semplicemente, ripulire ed uniformare il letto del fiume, nonché prevedere e realizzare opportune casse di espansione e laminazione che permettessero un naturale “sfogo” alle piene, limitando e regolando l’afflusso delle acque verso la città. Per quanto riguarda la sicurezza del ponte, ci furono alcuni piccoli cedimenti strutturali che avrebbero potuto causare in seguito gravi danni e vennero sistemati compiendo dei lavori di ristrutturazione. Il ponte venne comunque definitivamente abbattuto, i lavori iniziaroni in tutta fretta venerdì 7 agosto 2009, anticipando la convocazione presso il TAR di Torino ,fissata per il martedì successivo, presso il quale si sarebbe discussa l’eventuale sospensione dei lavori di demolizione, lasciando gli alessandrini con qualche problema in più di traffico. Nell’accordo firmato da Comune, Provincia di Alessandria, Regione Piemonte, Protezione civile che disponeva l’abbattimento del suddetto ponte, è prevista la realizzazione di un’opera di almeno pari pregio, un ponte a campata unica, progettato dall’architetto americano Richard Meier. Promessa più volte l’apertura del cantiere, dopo innumerevoli rinvii, non si è ancora dato il via ai lavori, gli Alessandrini aspettano fiduciosi. La vicenda è salita alla ribalta della cronaca nazionale a causa del servizio trasmesso dalla seguitissima trasmissione televisiva “Striscia la notizia” dove si è mostrato il vivace scambio di battute tra il Sindaco Piercarlo Fabbio e il vulcanico critico d’arte Vittorio Sgarbi, quest’ultimo ha espresso profonda tristezza e sconcerto per la distruzione di una importante opera dell’ingegneria militare.
  • Dispensario antitubercolare e Laboratorio provinciale di igiene e profilassi. Opere di Ignazio Gardella, realizzate tra il 1934 e il 1939, sono considerate capolavori dell’architettura del Razionalismo italiano.
  • Palazzo delle Poste. Edificato tra il (1939 e il 1941) di stile schiettamente razionalista è decorato con un bel mosaico lungo 38 metri di Gino Severini sulla facciata.
  • Casa Borsalino. Opera dell’architetto Ignazio Gardella progettata tra il 1949 e il 1951 e realizzata nel 1952.

Musei

  • Museo Civico. Di recente riapertura nella nuova sede di palazzo Cuttica. Conserva tra l’altro, due arazzi fiamminghi di pregevole fattura, un interessante polittico di Gandolfino da Roreto, i paramenti sacri di papa Pio V e i corali destinati al convento di Santa Croce di Bosco Marengo da lui stesso ordinati.
  • Museo Etnografico della Gambarina “C’era una volta”
  • Museo del Fiume
  • Museo di Scienze Naturali
  • Marengo Museum
  • Museo del Ferro

Fonte

La descrizione sopra è presa dall’articolo di Wikipedia Alessandria, con brevetto CC-BY-SA. La lista completa di coloro che hanno contribuito alla stesura dell’articolo è disponibile qui.
Le pagine non sono in alcun modo affiliate o appoggiate da chiunque sia associato all’argomento.