Savona

Posted on by

Da Wikipedia, l’enciclopedia libera

Savona (Sann-a in ligure; Savonn-a nella versione genovese) è un comune italiano di 62.553 abitanti, capoluogo dell’omonima provincia in Liguria.

È il terzo comune della regione per popolazione, preceduta solamente da Genova e da La Spezia. La sua area conurbata, comprendente i comuni di Albissola Marina, Albisola Superiore, Quiliano e Vado Ligure, conta 94.100 abitanti, mentre l’intero comprensorio savonese, da Bergeggi a Varazze e il relativo entroterra, sfiora i 115.000 residenti.

La città di Savona è il punto di riferimento per chi intende dirigersi verso il ponente Ligure o l’entroterra. Il capoluogo savonese funziona inoltre come snodo centrale per i collegamenti in pullman o ferrovia verso il non distante confine francese, la Costa Azzurra e l’Aeroporto di Nizza-Côte d’Azur. È inoltre un importante porto crocieristico.

Geografia

La città è situata sulla Riviera Ligure di ponente, alla confluenza dei torrenti Lavanestro e Letimbro e alla congiunzione di due autostrade: l’Autostrada dei Fiori – che unisce Genova con Ventimiglia – e l’Autostrada A6 Savona-Torino.

Il clima è temperato di tipo mediterraneo con un inizio di influenze continentali verso l’entroterra.

Monumenti e luoghi d’interesse

La Cattedrale dell’Assunta, costruita a seguito delle demolizioni genovesi dell’antica cattedrale, situata anticamente sul colle del Priamar. Conserva al suo interno alcune pregevoli opere (Timpano del portale, pulpito, fonte battesimale, croce marmorea). Annesso alla chiesa vi è il museo del tesoro in cui è possibile ammirare alcuni quadri di notevole importanza (Maestro di Hoogstraeten, Tuccio D’Andria, Luca Cambiaso, Ludovico Brea, Giovanni Mazone) e interessanti oggetti di arte sacra (pianete, pastorali, reliquiari, eccetera). Infine tra i più belli d’Italia e fra i più importanti d’Europa in relazione al suo periodo di realizzazione, è il coro ligneo dietro l’altare maggiore. Conserva, tra le altre, le Reliquie di San Valentino Martire, patrono degli innamorati.

Cappella Sistina, unica altra esistente oltre alla celeberrima Cappella Sistina romana, voluta dal papa savonese Sisto IV della Rovere come monumento sepolcrale dei propri genitori. Recentemente restaurata.

Il Santuario di Nostra Signora della Misericordia è stato edificato a seguito dell’apparizione al beato Antonio Botta. Annesso alla chiesa un museo che raccoglie oggetti di arte sacra ed ex voto. Il santuario della Madonna della Misericordia è dedicato alla santa patrona della città ed è un sontuoso esempio di architettura barocca che, al proprio interno, può vantare un magnifico altare di Gian Lorenzo Bernini e preziose tele del Domenichino. La statua della patrona fu incoronata direttamente da Pio VII alla fine della sua cattività.

L’Oratorio di Nostra Signora di Castello è stato proclamato monumento nazionale, ospita il monumentale polittico dipinto da Vincenzo Foppa e Ludovico Brea nel 1490. Interessanti anche due imponenti casse processionali.

L’Oratorio dei Santissimi Giovanni Battista, Giovanni Evangelista e Petronilla risalente al 1890, conserva opere di Anton Maria Maragliano.

Il Palazzo Della Rovere è un opera dell’architetto Giuliano da Sangallo. Fu fatto costruire dal cardinale Giuliano della Rovere, futuro Papa Giulio II (in occasione della sua elezione al Pontificato saranno murate lapidi ed armi roveresche in tutta la città, nonché piantati alberi di rovere per le vie principali); l’avvio ai lavori è dato il 4 febbraio del 1495 sotto la sovraintendenza di Urbano Vegerio, suo procuratore; nel 1496 vengono acquistate alcune abitazioni circostanti per estendere il palazzo, che tuttavia resterà incompleto (al riguardo notare le isolate colonne dell’ingresso, che nelle intenzioni originarie erano parte di un diverso contesto, completo di un blasone ecc.). Il progetto è del fiorentino Giuliano da Sangallo, magister petrarum et picator, coadiuvato da Matteo De Bixono, magister picator sive picha pietra.

Fonte

La descrizione sopra è presa dall’articolo di Wikipedia Savona, con brevetto CC-BY-SA. La lista completa di coloro che hanno contribuito alla stesura dell’articolo è disponibile qui.
Le pagine non sono in alcun modo affiliate o appoggiate da chiunque sia associato all’argomento.