Pescara

Posted on by

Da Wikipedia, l’enciclopedia libera

Pescara (Pëscàrë in abruzzese) è un comune italiano di 123.245 abitanti, capoluogo dell’omonima provincia nell’Abruzzo. L’area urbana di Pescara si estende tuttavia ben oltre i limiti territoriali del comune di appartenenza e include vari centri limitrofi assommando a circa 330.000 abitanti.

È la maggiore città dell’Abruzzo ed è sede, con L’Aquila, degli uffici del Consiglio, della Giunta e degli Assessorati regionali, nonché dell’Aeroporto di Pescara e dell’Università Gabriele D’Annunzio. Pescara ha inoltre un importante porto, il Porto di Pescara che è uno dei più grandi del Mar Adriatico, che conta 950 posti barca con servizi e strutture cantieristiche all’avanguardia.

Fino al 1927 il territorio dell’attuale comune di Pescara era diviso tra i due comuni di Pescara, a sud del fiume omonimo, in provincia di Chieti, e Castellammare Adriatico, a nord del fiume, in provincia di Teramo. In seguito all’unificazione dei due centri, nel 1927, fu istituita anche la Provincia, grazie all’interessamento di Gabriele d’Annunzio e Giacomo Acerbo.

Geografia

Pescara è situata sulla costa adriatica e si sviluppa intorno alla foce dell’Aterno-Pescara. La costa è bassa e sabbiosa: la spiaggia si estende senza soluzione di continuità a nord ed a sud del fiume e, nella parte settentrionale (presso la pineta), raggiunge la larghezza di circa 140 metri. Il tessuto urbano si sviluppa su un’area pianeggiante a forma di T, che occupa la valle intorno al fiume e la zona litoranea; a nord ovest ed a sud ovest la città si estende anche sulle colline circostanti che non superano l’altezza di 122 metri sul livello del mare.

La città è interessata dalla presenza di falde freatiche, che con le escursioni stagionali, rimontano anche di un metro, specialmente in primavera, a seguito dello scioglimento delle nevi sui monti. La costa dove si estende la città era un tempo quasi interamente occupata da una vasta pineta mediterranea, dove predominava la specie del Pino d’Aleppo. Questo bosco fu in gran parte abbattuto alla fine dell’Ottocento e poi ancora negli anni cinquanta del secolo scorso per fare posto alle nuove costruzioni. Gli esemplari superstiti sono diffusi nella pineta D’Avalos (oggi parco pubblico), nella zona di Porta Nuova, e in una fascia costiera della lunghezza di circa due chilometri suddivisa fra i comuni di Pescara e di Montesilvano (Riserva naturale Pineta di Santa Filomena).

Monumenti e luoghi d’interesse

La Cattedrale di San Cetteo venne costruita tra il 1933 ed il 1938 sui resti dell’antica chiesa di Santa Gerusalemme, ivi situata in epoca Romanica (come mostrato dai resti di fronte la chiesa). La costruzione della chiesa nuova fu fortemente voluta da Gabriele d’Annunzio, il quale mise a disposizione anche fondi finanziari propri e chiese a Cesare Bazzani di attuare il progetto. La chiesta ospita la tomba della madre del poeta, Luisa D’Annunzio, ed ivi è possibile ammirar un dipinto del Guercino, il San Francesco, donato dallo stesso d’Annunzio.

La Chiesa del Sacro Cuore, in pieno centro cittadino, è stata realizzata sul finire dell’Ottocento in Stile Neogotico.

La Basilica della Madonna dei sette dolori venne iniziata nel Seicento in stile barocco e in seguito inglobata nel Settecento dall’attuale, in stile neoclassico. Nei pressi della basilica si trovano due fontane di cui una risalente con certezza al millesettecento e presumibilmente anche l’altra, nonché il convento, iniziato nel 1800.

All’interno dell’antico santuario situato in zona Madonna del Fuoco, si può ammirare una statua della Madonna con in braccio Gesù Bambino, risalente al 1600.

Situata nella frazione di San Silvestro, la Chiesa principale, all’origine intitolata ai santi San Giovanni Battista e San Silvestro Papa, era il nucleo centrale della vecchia Villa Feudale, luogo del culto regolato dalle norme dettate dalla riforma del sacro Concilio di Trento; fu il rifugio dei parrocchiani durante gli anni del “blocco di Pescara” del XIX secolo, luogo di preghiera e di raccolta per i poveri sfollati dopo il primo tragico bombardamento del 31 agosto 1943. La Parrocchia, creata intorno al 1500, era amministrata da un Economo molto prima della nascita del Comune ed era perfettamente organizzata per la riscossione delle Decime Sacramentali.

Fonte

La descrizione sopra è presa dall’articolo di Wikipedia Pescara, con brevetto CC-BY-SA. La lista completa di coloro che hanno contribuito alla stesura dell’articolo è disponibile qui.
Le pagine non sono in alcun modo affiliate o appoggiate da chiunque sia associato all’argomento.